Vossen
hero

ECRM NEWS

Le news di ECRM Italia

Cosa ci faccio con i Big Data?

bigdata_news

Oggi vogliamo parlare di un tema molto affascinante e di cui si sente sempre più spesso parlare: i Big Data. Nello specifico, ci siamo chiesti, ma cosa sono davvero e soprattutto cosa possiamo farci?

Daniele Tonini del Dipartimento di Scienze delle Decisioni dell’Università Bocconi e partner di Target Research, con cui collaboriamo assiduamente, ci spiega in questo video quali sono key driver che spingono le imprese ad adottare i Big Data cercando di capire cosa si può realmente fare.

https://youtu.be/MPWrh8kAYuM

Partiamo da un presupposto: se pensiamo all’effettiva quantità di dati oggi generati pensiamo a qualcosa di abnorme: dai telefoni, alla carte di credito usate per gli acquisti, dalla televisione fino ai sensori montati sugli edifici, sui mezzi di trasporto pubblici e privati e via discorrendo.

La sfida di oggi è infatti riuscire a capire cosa si può fare con tutta questa quantità di informazioni, producendo algoritmi capaci di elaborare, analizzare e trovare riscontri oggettivi e suggerire modelli di interpretazione fino a ora inimmaginabili.

Tornando ai key driver, il primo driver individuato è infatti legato alla volontà di approfondire l’informazione già disponibile o ottenerne di nuova all’interno dell’azienda anche sparsa in varie repository. Parliamo quindi di capacità e voglia di gestire una enorme mole di dati.

Il secondo è legato alla volontà di analizzare il cliente a 360 gradi senza fermarsi ai dati transazionali o dati di CRM, dal momento che esistono tante altre informazioni come le abitudini, le opinioni etc… da analizzare in modo efficiente.

Il terzo driver è quello di voler ottenere analisi diverse rispetto a quelle del passato quindi non solo esplorative o descrittive e predittive ma delle analisi che siano prescrittive e cioè che ci indichino qual è la migliore decisione da prendere.

Un esempio sotto gli occhi di tutti è quello proveniente da Netflix o Amazon. Ogni giorno queste aziende analizzano i comportamenti dei clienti in modo molto puntuale, dati di navigazione, click etc…raccogliendo tutte le informazioni in un unico bacino da utilizzare per aumentare ed efficientare la proposizione verso i propri clienti, suggerendo i prodotti più adattti o quelli che solleticano la curiosità del cliente magari e lo spingono a comprare per necessità momentanea o per semplice impulso…

Insomma un enorme patrimonio che tutte le aziende dovrebbero sfruttare per monitorare il cliente lungo tutte le fasi del customer journey.

TUTTE LE NEWS