Vossen
hero

ECRM NEWS

Le news di ECRM Italia

Gestire il CRM nel rispetto delle regole: un’esigenza sempre più forte per ottenere un vantaggio competitivo

news-thumbnail-06042017

Oggi un’azienda per avere un vantaggio competitivo deve costruire relazioni durevoli con i clienti, rispondere in modo veloce ed efficace alle loro esigenze e adottare azioni che consentano di mantenerlo e fidelizzarlo nel tempo: adottare in poche parole un approccio customer oriented.

L’informazione e il dato raccolto sui clienti all’interno di un sistema di CRM diventano pertanto l’asset principale attorno al quale svolgere tutte le attività di analisi sul cliente, formulare strategie e individuare azioni di marketing.  Ma il dato prima di tutto per essere utilizzato deve essere trattato in modo sicuro secondo le regole in modo tale da tutelare l’interessato e non ledere la sua privacy. Soprattutto è importante sapere che il dato può essere mantenuto non per sempre ma ci sono dei limiti temporali che vanno rispettati.

La normativa italiana impone che i dati inerenti il dettaglio degli acquisti effettuati dai clienti possano essere mantenuti per un lasso di tempo non superiore a 12 mesi per fini di profilazione e a 24 mesi per fini di marketing diretto (Provvedimento del Garante del 24 febbraio 2005). Oltre tali termini i dati devono essere cancellati automaticamente, ovvero resi anonimi.

Molto spesso, e la nostra esperienza in questo settore ce ne dà conferma, le aziende hanno diverse necessità tra cui quella di costruire un DB unico che sia anche multi-country e che raccolga dati provenienti da più fonti (web, app, cartoline etc), di analizzare i dati per un periodo di tempo più lungo di quello stabilito dal Garante per poter svolgere azioni di marketing e di CRM efficaci, soprattutto quando la frequenza di acquisto è bassa.

Per tale motivo è possibile rivolgere istanza al Garante per la protezione dei dati personali al fine di ottenere una estensione del tempo di mantenimento dei dati degli acquisti effettuati dai propri clienti. (procedura normata dall’art. 17 del d.lgs 196/03).

Grazie al nostro legale Gabriele Faggioli, legale e Adjunct Professor MIP-Politecnico di Milano – Partner4Innovation, sosteniamo le aziende in questo processo di richiesta al Garante che parte dall’analisi preliminare del sistema di CRM fino alla presentazione della domanda al Garante.

Le richieste di allungamento dei tempi di conservazione dei dati personali stanno diventando sempre più numerose e l’orientamento dell’Autorità sembra indirizzarsi da un lato verso la tutela del soggetto interessato e dall’altro alla salvaguardia degli interessi e del business delle aziende.

In particolare, una nota azienda del settore luxury ha ottenuto 10 anni come tempo di mantenimento dei dati mentre alcune società del settore fashion hanno ottenuto 7 anni.

Questa possibilità di estensione porta con sé dunque notevoli vantaggi sia nei confronti dei competitor, qualora non abbiano ancora pensato a questa possibilità, sia nella costruzione di un sistema di CRM che sia a livello globale coerente con le normative locali con un dato acquisto e detenuto in maniera conforme, oltre naturalmente all’azzeramento del rischio di sanzioni.

TUTTE LE NEWS